body-parcoinforma
  • Le dune dell’Arcipelago, un’assicurazione sulla vita delle nostre coste


    Fruire in modo più responsabile e intelligente delle spiagge dell’Arcipelago oppure assistere in modo impassibile alla riduzione, anno dopo anno, degli arenili fino a vederli scomparire? È questa la domanda che ogni cittadino ed ogni turista dovrebbe porsi nell’affrontare il tema della tutela dei sistemi dunali, che prevede, grazie a un progetto della Provincia di Olbia-Tempio condiviso con tutti gli enti locali costieri, interventi su tutto il territorio della Gallura.

    Da anni la salvaguardia e la valorizzazione degli habitat costieri avvengono in tutta Italia seguendo le indicazioni della Convenzione di Barcellona del 1976 e delle sue integrazioni (Convenzione per la protezione dell’ambiente marino e la regione costiera del Mediterraneo), della Direttiva “Habitat” (92/43/CEE) e di quella sulla gestione integrata delle zone costiere (2002/413/CEE). Il Piano paesaggistico regionale definisce le fasce costiere quale risorsa strategica fondamentale per lo sviluppo sostenibile del territorio sardo e altri documenti regionali definiscono proprio la conservazione dei sistemi dunali come essenziale per la tutela delle coste.

    Il preoccupante fenomeno dell’erosione costiera in atto in tutte le coste della Sardegna ha imposto anche alla Provincia di Olbia-Tempio, già a partire dal 2011, l’adozione di adeguati protocolli e progetti di intervento – che rispondono all’esigenza di contenere il problema – per la salvaguardia dei sistemi dunali e dei litorali più sensibili in tutto il territorio della Gallura. All’interno dell’Arcipelago di La Maddalena i responsabili dell’Ufficio tecnico della Provincia hanno individuato alcune aree particolarmente a rischio, elaborando in sede di conferenza di servizi – lo strumento principe grazie al quale vengono acquisiti i pareri e le autorizzazioni delle amministrazioni competenti – una strategia di intervento condivisa con tutti i soggetti istituzionali rappresentanti delle comunità coinvolte. Gli esiti dei dettagliati studi – che hanno preso in esame l’idrodinamica, la geologia e la sedimentologia specifica delle aree – hanno evidenziato le criticità delle zone costiere nel territorio provinciale, e in particolare, con riferimento ai sistemi dunali presenti nel Comune di La Maddalena sono state individuate le spiagge di Cala Portese (Isola di Caprera), Spiaggia dei Cavalieri (Isola di Budelli), Cala Ciaccaro e Cala Corsara (Isola di Spargi).

    Le spiagge scelte dalla Provincia, soggette a moto ondoso spesso intenso e ad importanti modificazioni stagionali, possono essere considerate al limite dell’equilibrio e della stabilità, e per tale ragione ulteriori pressioni antropiche sulle zone dunali porterebbero renderle più che mai vulnerabili. Per questo motivo, sono stati programmati interventi per la tutela dei sistemi dunali e dei litorali a rischio erosione attraverso l’installazione di cartellonistica informativa e divulgativa e il posizionamento di dissuasori di accompagnamento nelle dune, che hanno lo scopo di guidare i visitatori verso una fruizione responsabile del patrimonio ambientale conservato all’interno dei diversi siti.

    Le opere – conformi alle indicazioni fornite dal Piano paesistico regionale e a norma con tutte le direttive disposte dall’Unione europea in materia di tutela del territorio – sono volte esclusivamente alla tutela ambientale dei siti e alla riduzione del forte impatto che la presenza degli esseri umani determina sul complesso delle dune, rispondendo alle necessità di tutela e valorizzazione delle specificità ambientali, senza tuttavia limitare il pubblico uso del mare o creare ostacoli per la balneazione. I lavori appena conclusi a Cala Portese vanno peraltro ad aggiungersi all’analogo intervento completato dall’Ente Parco nel 2011 a Bassa Trinita (Cala Maiore). Di seguito tutte le località individuate dalla Provincia quale obiettivo di interventi in corso di realizzazione o programmati: Li junchi (Badesi), Lu Littaroni, Rena Majore, Rena Matteu (Aglientu), La Colba Rena di Ponente, Porto Liscia (Santa Teresa di Gallura), Le Saline, Porto Liscia, Cala di Trana (Palau), Grande Pevero, Capriccioli (Arzachena), Cala Sassari (Golfo Aranci), Le Saline (Olbia), Brandichi (San Teodoro), Spiaggia di Budoni (Budoni).