body-parcoinforma
  • Progettazione europea: confronto tra Parco e Provincia di Olbia-Tempio


    Riunione congiunta tra la III e IV Commissione consiliare della Provincia di Olbia-Tempio e i rappresentanti del Parco per fare il punto sulle attività dell’Ente e verificare le opportunità offerte dalla progettazione per l’accesso a canali di finanziamento direttamente collegati a fondi dell’Unione europea. I consiglieri provinciali in visita presso la struttura amministrativa di via Giulio Cesare hanno ascoltato la relazione del Presidente Giuseppe Bonanno, che ha illustrato lo stato di avanzamento delle attività programmate dal Parco, puntando su una particolare attenzione alla valorizzazione di una collaborazione operativa tra le due diverse istituzioni, in grado di integrare con risorse finanziarie aggiuntive il bilancio ordinario e i trasferimenti statali. Organizzata dal consigliere Luca Montella, a capo della III Commissione provinciale e nella sua veste di Vicepresidente dell’Ente Parco, accolta con estremo favore dal Presidente Giuseppe Bonanno e sostenuta anche dal consigliere Andrea Nieddu, Presidente della IV Commissione, l’audizione ha visto la partecipazione di numerosi consiglieri provinciali in rappresentanza di tutti i partiti. L’incontro è stato un’occasione per ribadire la necessità di un raccordo tra le due istituzioni – che sui temi di turismo e ambiente nei mesi scorsi hanno siglato un apposito protocollo d’intesa – in grado di incentivare le reciproche capacità di programmazione e un lavoro di rete con l’obiettivo di coniugare la necessità di tutela del patrimonio paesaggistico e ambientale dell’Arcipelago con i valori culturali e la vocazione turistica espressi dal resto del territorio della Gallura. Nell’illustrare le attività concretizzatesi nel corso degli ultimi anni, Bonanno ha sottolineato l’importanza strategica della progettazione europea: «Di fronte alla crisi economica che tutto il Paese sta attraversando – ha detto il Presidente rivolgendosi ai membri delle commissioni della Provincia – dobbiamo prendere atto del taglio dei trasferimenti ordinari da parte dello Stato, con la conseguenza che il lavoro sulla capacità di attrarre finanziamenti comunitari diventa un obbligo e un imperativo per tutti noi. In quest’ottica ci siamo impegnati negli ultimi anni ottenendo risultati significativi: ad oggi, infatti, circa il 60% del bilancio dell’Ente Parco utilizza risorse provenienti dalla progettazione europea». Proprio a partire dai criteri di accesso a canali di finanziamento targati UE diventa necessaria la collaborazione e la capacità di fare rete tra le istituzioni presenti sul territorio: «Proprio per questo motivo – ha sottolineato il Consigliere Luca Montella, nella sua duplice veste di Presidente della III Commissione e Vicepresidente del Parco – si evidenziano con più forza le ragioni di questo incontro congiunto tra i rappresentanti dell’assemblea provinciale e il personale dell’Ente Parco, e proprio nella consapevolezza di tali necessità abbiamo lavorato all’istituzione di un Ufficio comune tra Provincia e Ente Parco dislocato a La Maddalena, che sappia garantire un costante collegamento operativo tra le due amministrazioni».