body-parcoinforma
  • Museo del mare, nuovi espositori per la stagione estiva


    Veste rinnovata per uno dei baluardi della tradizione marinaresca maddalenina, una delle principali attrazioni del Centro di Educazione Ambientale di Stagnali.

    L’Ente Parco ha recentemente dotato di nuovi espositori il Museo del mare e delle tradizioni marinaresche, che si prepara dunque ad accogliere i visitatori con una rinnovata e più elegante veste.
    Nato da un’idea della sezione locale di “Italia Nostra”, il Museo del Mare è costituisce un perfetto esempio di equilibrio tra i due principali obiettivi per cui è istituito il Parco: la natura e la cultura.
    La necessità di educazione ambientale e il bisogno di conservare e divulgare alle generazioni future le tradizioni locali si uniscono nel centro di Stagnali dell’isola di Caprera per dare vita ad un’esposizione nella quale rivivono le radici della cultura maddalenina.

    Il Museo del Mare ha aperto i battenti nel 2006 per volontà dell’Ente Parco, ma grazie, soprattutto, all’opera di volontariato dei membri dell’associazione “Italia Nostra”. Molti privati e istituzioni hanno contribuito, a partire dalla Marina Militare - nella fattispecie l’Arsenale Militare - per finire con i pescatori locali e tutti coloro che, per il settore di propria competenza, avevano attinenza col mare.
    Mantenendo fede all’idea originale di Lucia Spanu, il Museo intende rappresentare, nella conoscenza della storia e della cultura maddalenina, nonché degli usi e dei costumi locali con particolare riferimento all’elemento del “mare”, un punto fermo per le generazioni presenti e quelle future: un autentico “baluardo della memoria e della tradizione locale”.

    Nel Museo sono infatti presenti fotografie, documenti ed oggettistica, oltre a tutto ciò che riguarda il recupero della cultura antica locale, indissolubilmente legata al mare, e a quanto ha attinenza con esso. Attaverso un percorso cronologico si cerca di ricostruire - attraverso le conoscenze recuperate grazie all’aiuto di molte persone, che sono state depositarie di questa cultura - la storia completa, in modo semplice e diretta, della comunità maddalenina e dell’Arcipelago, a partire dal neolitico fino ai giorni nostri.
    Il Museo è organizzato per “sezioni”, in ciascuna delle quali sono presenti oggetti che confortano il racconto della guida. La visita si sviluppa quindi attraverso l’esposizione orale di accadimenti storici particolarmente significativi, giacché si è cercato di raccogliere gli elementi essenziali della comunità.

    Per ulteriori informazioni e per la prenotazione di visite, anche per gruppi, è possibile contattare la sig.ra Lucia Spanu al numero di telefono 340 6909913.