body-parcoinforma
  • Iniziative per un turismo consapevole nel Parco


    Una visita nel Parco per gli operatori della Bitas “Borsa Internazionale del turismo attivo della Sardegna”, organizzata dalla Regione Sardegna e giunta alla sua seconda edizione. Gli operatori turistici coinvolti dall’Assessorato regionale al turismo hanno avuto modo di visitare il Centro di Educazione Ambientale (CEA) di Stagnali. La Regione Sardegna ha individuato nel patrimonio ambientale dell’arcipelago un veicolo strategico di valorizzazione della promozione turistica dell’intera Sardegna. Obiettivo di “Bitas” è quello di favorire l’incontro tra offerta turistica sarda e domanda nazionale e internazionale nell’ambito del Turismo Attivo. La manifestazione assume la forma organizzativa del workshop e vede la partecipazione di due tipologie di soggetti: gli attori della domanda italiana e internazionale e gli attori dell’offerta sarda. La prima tipologia comprende i tour operator della domanda nazionale e internazionale specializzati che vogliano includere la Sardegna tra le destinazioni da proporre ai propri clienti. La seconda tipologia è costituita dagli operatori sardi che vogliano presentare la propria offerta commerciale direttamente ai tour operator che operano nei segmenti prescelti. Il Parco ha inoltre partecipato attivamente alla “Borsa del turimo ambientale delle Aree marine protette”, svoltasi a Cabras ai primi di maggio e inaugurata dall’assessore regionale al Turismo Luigi Crisponi e dal Presidente dell’Area Marina Protetta Cristiano Carru, alla presenza dell’assessore regionale all’Industria Oscar Cherchi. Nel suo intervento inaugurale l’Assessore Crisponi ha fatto il punto sulla programmazione turistica regionale e sull’importanza che rivestono le aree protette sarde per la destagionalizzazione del turismo. Infine, a cavallo tra i mesi di aprile e maggio, come avevamo anticipato nello scorso numero de “il ParcoInforma”, grazie alla promozione dell’Arcipelago come meta di turismo scolastico il Parco è stato oggetto di numerose visite da parte di scolaresche da tutta Italia, a testimonianza di quanto la destagionalizzazione e il turismo consapevole possono rappresentare una vera opportunità.