body-parcoinforma
  • Pulizie e manutenzioni del Parco nell’Arcipelago, da Caprera alle isole minori


    A partire dai primi di giugno, proseguendo per tutto il mese di luglio, l’Ente Parco, in collaborazione con il Comune di La Maddalena, ha avviato le proprie attività di pulizia degli arenili e sentieri di accesso alle spiagge nell’ambito dell’apposito progetto finanziato dalla Provincia Olbia-Tempio e dallo stesso organismo di gestione dell’area protetta. L’obiettivo congiunto è l’effettuazione di interventi specifici per tutelare gli habitat protetti dell’Arcipelago e, allo stesso tempo, contribuire in modo significativo al decoro delle isole.

    Il personale dell’Ente Parco ha effettuando, e continuerà nelle prossime settimane operazioni di pulizia concentrandosi principalmente sulle isole maggiori: i tre operai assunti dal Parco si preoccupano di eliminare non solo i rifiuti “spiaggiati” dagli arenili ma anche l’immondizia presente in tutte le aree sensibili limitrofe quali il sottobosco, i sentieri di accesso e le aree parcheggio, anch’esse spesso sottoposte ad elevati flussi turistici e quindi a situazioni di abbandono di rifiuti potenzialmente dannose per gli habitat.
    Le aree già oggetto di intervento da parte del personale del Parco sono quelle dell’Isola di Caprera dalla parte meridionale (Cala Portese e Cala Andreani, ad inclusione della Spiaggia del relitto) fino a Porto Palma; a Maddalena la zona di Cala Spalmatore denominata “Costone”, l’area di Cala Lunga e le zone limitrofe. Le attività di pulizia delle spiagge dell’isola madre e di ripristino delle situazioni di maggior degrado proseguiranno anche nelle prossime settimane. Le operazioni svolte dal Parco non possono certamente essere considerate esaustive, sia perché l’Ente non ha una diretta competenza in tema di raccolta di rifiuti, sia perché le risorse che arrivano sono appena sufficienti: l’Arcipelago conta infatti circa 180 chilometri di coste, pari a un decimo dell’estensione costiera della Sardegna, e a differenza di altre zone della Sardegna e d’Italia, le sue coste sono costantemente sferzate dal vento e delle correnti marine, che finiscono per depositare costantemente, per tutto l’anno, rifiuti sulle spiagge.
    Oltre alle attività di manutenzione di tutta la cartellonistica del Parco presente sull’isola di Caprera, al posizionamento di passerelle per disabili nelle aree picnic, alla pulizia delle stesse aree picnic e alla manutenzione dei tavoli posizionati dall’Ente Parco in prossimità delle stesse, sempre nei giorni scorsi sono stati piazzati due cartelli di benvenuto, simili a quello già installato nel 2011 all’ingresso di Caprera, alla Spiaggia del Cavalieri e a Cala Santa Maria.