body-parcoinforma
  • I sentieri di Caprera


    Il completamento del secondo blocco dei sentieri, previsto per quest’anno, è ormai in fase conclusiva, ma già nel corso dell’estate turisti e residenti hanno avuto la possibilità di percorrere i nuovi itinerari del Parco all’aria aperta, sull’isola di Garibaldi. Conigliera, Poggio Baccà, Poggio Rasu, Poggio Zonza, Poggio Stefano, Cala Caprarese, Cala Serena, Cala Coticcio e Cala Brigantina: sono questi i nuovi sentieri, resi disponibili dal Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena durante la stagione estiva, che “chiudono” la rete di sedici itinerari dell’isola di Caprera, inaugurata l’anno scorso. Per uniformare alla segnaletica presente sul territorio sardo, corso e nazionale i cartelli informativi del Parco, presenti su tutti i sentieri ad eccezione di Cala Brigantina e Cala Coticcio – ricadenti in zona TA e pertanto accessibili esclusivamente dai residenti o con l’accompagnamento delle guide del Parco – e di Cala Serena – per il quale l’Ente Parco sta acquisendo l’autorizzazione al posizionamento da parte del Genio civile – è stata utilizzata quella proposta dal C.A.I., con i relativi tratti di colore rosso-bianco-rosso. Le attività di apertura dei sentieri del Parco a Caprera, curate dall’ufficio tecnico dell’Ente Parco, hanno richiesto lunghe e faticose giornate di lavoro. Per ripulire i nuovi sentieri, posizionarvi la segnaletica ed effettuare le attività di manutenzione in quelli già esistenti il personale ha compiuto sforzi considerevoli, anche nel mese di agosto, quando a causa della massiccia presenza turistica si è dovuto occupare di rimuovere i rifiuti spesso abbandonati alla fine dei sentieri: uno dei pochi problemi rimasti da sciogliere per consentire la corretta fruizione di una risorsa turistica sinora sottovalutata, che dai tempi della riserva naturale orientata e fino all’anno scorso più nessuno si era fatto carico di ripristinare. Prossimo obiettivo dell’Ente Parco è la progettazione di una rete di sentieri sull’isola di Spargi, in collaborazione con la Provincia di Olbia-Tempio, che poche settimane fa ha disposto il trasferimento di un importante contributo finanziario per la sua realizzazione.