body-parcoinforma
  • Le spiagge dell’Arcipelago più sicure grazie al Parco


    È stato ultimato nel mese di luglio, da parte dell’ufficio ambiente dell’Ente Parco, il posizionamento dei cavi tarozzati nelle spiagge dell’arcipelago. Gli specchi d’acqua antistanti le spiagge sono stati delimitati dai cavi costituiti da boe sferiche di colore giallo, alle quali è vietato ormeggiare.  

    L’intervento è stato eseguito in totale su sedici cale:  Cala Corsara, Cala Granara, Cala di Roto (Spiaggia Rosa), Spiaggia del Cavaliere, Cala Santa Maria (a sinistra, nella foto a di Pietro Cuneo / Ente Parco), Cala Portese, Porto Palma, Cala Brigantina, Punta Rossa, Cala Serena, Cala Andreani/Cala dello Sforzato (Spiaggia del relitto), Porto Palma - “Doggie beach”, Spalmatore, Cala d’Alga, Cala Francese - La Madonnetta (Carlotto), Giardinelli “Testa del Polpo”.
    Quest’anno la scelta delle aree d’intervento e i criteri di posizionamento dei cavi sono stati effettuati d’intesa con i competenti uffici della Regione Sardegna e la Capitaneria di Porto di La Maddalena.  L’ufficio ambiente del Parco, che provvederà in ultima fase alla sistemazione della cartellonistica informativa sulla concessione, si occupa anche di effettuare controlli giornalieri per eventuali interventi di manutenzione e riparazione, poiché molto spesso si verificano episodi di vandalismo o i cavi finiscono per essere tagliati dai diportisti meno esperti a causa di incaute manovre.