body-parcoinforma
  • In anteprima: Casa del Parco, ecco la scheda sintetica del progetto approvato


    Intonaci. Il progetto prevede un accurato lavoro di dettaglio sugli intonaci esterni della struttura. È prevista infatti la spicconatura degli stessi e il loro rifacimento attraverso l’utilizzo di materiale termoisolanti, composti di materie prime di origine rigorosamente naturale, ad altissima porosità, igroscopicità e traspirabilità, con malta di pura calce idraulica naturale, sughero, pomice bianca e calcare dolomitico. L’intonaco naturale previsto in progetto soddisfa i requisiti di risparmio energetico degli edifici. Impianto solare termico. Si prevede l’integrazione dell’impianto già esistente con un impianto composto da due pannelli solari termici sotto vuoto, ancorati al tetto piano della struttura con appositi sostegni metallici atti a garantirne l’inclinazione, l’orientamento appropriato e la resistenza meccanica all’azione del vento, per una superficie complessiva di 4 mq. Nel locale tecnico sottostante sarà posto un accumulatore da 300 litri. Impianto fotovoltaico. L’installazione consisterà nel montaggio di 32 moduli fotovoltaici fissati sulla copertura del fabbricato tramite una struttura di sostegno metallica. La copertura è della tipologia a tetto piano dotata di balaustra perimetrale di altezza minima pari a 42 cm. Per ragioni architettoniche si vuole che l’altezza massima dei moduli fotovoltaici non superi quella della balaustra. La potenza di picco dell’impianto sarà di 7,52 kWp. Impianto micro eolico. Si prevede il posizionamento di una pala eolica ad asse verticale montata su palo alto 6 metri posto tra la costruzione principale e il locale tecnico. La potenza di picco dell’impianto sarà di 1,00 kWp. Impianto a idrogeno. L’installazione del produttore di idrogeno e della cella a combustibile, a esclusione dello stoccaggio, sarà realizzata all’interno del locale tecnico esterno. L’impianto utilizza acqua demineralizzata per produrre idrogeno puro che verrà immagazzinato in un apposito accumulo pressurizzato fino a 30 bar; il gas potrà essere utilizzato, direttamente tramite conduttura gas, per alimentare il piano cottura della cucina o usato dalla Fuel Cell per la produzione di energia elettrica necessaria alla ricarica delle batterie. La potenza di picco dell’impianto sarà di 0,50 kWp. Impianto climatizzazione. L’installazione consisterà nella posa di tre pompe di calore composte da tre motocondensanti esterne e tre split interni posti in tre stanze separate, al fine di controllare sia in estate che in inverno la temperatura dei locali.