body-parcoinforma
  • tre sentieri subacquei per iniziare a valorizzare i fondali dell'Arcipelago


    Tre sentieri subacquei sono stati allestiti dall’Ufficio ambiente del Parco per consentire a tutti gli appassionati dell’esplorazione dei fondali marini, accompagnati dai diving autorizzati dal Parco, una conoscenza documentata di tre particolarissimi fondali presenti all’interno dell’area protetta. Secca di Spargi (nota come secca di Washington), Grottino San Francesco e Secca di Spargiotto: queste sono le tre aree, già oggetto di istituzione da parte dell’Ente Parco dei Punti di immersione protetti (PIP), per valorizzare le specificità ambientali e le biodiversità sottomarine presenti nell’Arcipelago. Il progetto realizzato è il punto di partenza dell’Ente Parco nel promuovere i propri fondali, in modo sempre più simile a quanto fatto dai colleghi della Riserva naturale della Bocche di Bonifacio.