body-parcoinforma
  • turismo alternativo


    Il Parco promuove la conoscenza dell’Arcipelago in Germania

    Nel mese di ottobre dello scorso anno l’Ente Parco su richiesta della Direzione d’Area Paesi lingua tedesca dell’ENIT, agenzia nazionale del turismo, ha ospitato e supportato la giornalista tedesca Harriet Wolf in visita nell’Arcipelago per la realizzazione di un articolo sulla Sardegna.

    Iniziative per un turismo consapevole nel Parco

    Una visita nel Parco per gli operatori della Bitas “Borsa Internazionale del turismo attivo della Sardegna”, organizzata dalla Regione Sardegna e giunta alla sua seconda edizione. Gli operatori turistici coinvolti dall’Assessorato regionale al turismo hanno avuto modo di visitare il Centro di Educazione Ambientale (CEA) di Stagnali.

    Il Parco alla Borsa del Turismo delle aree marine protette a Cabras

    Il Comune di Cabras, ente gestore dell’Area Marina Protetta "Penisola del Sinis - Isola di Mal di Ventre", ospita dal 16 aprile al 31 maggio 2010 la Borsa del Turismo Ambientale nelle Aree Marine Protette. L’iniziativa, realizzata con il contributo dell’Assessorato al Turismo, Artigianato e Commercio della Regione Sardegna, è articolata in un ciclo di eventi di carattere istituzionale, informativo e promozionale e rappresenta un’importante occasione per valorizzare il contributo delle Aree Marine Protette allo sviluppo turistico sostenibile nei contesti territoriali di riferimento.

    Dal vento sospinti o piegati?

    È sufficiente creare nuove strutture turistiche per parlare di riconversione economica e sociale? Noi cittadini vogliamo crederci e sperarci, nella ferma convinzione che questo territorio meriti di essere valorizzato e riqualificato, strizzando l’occhio all’ecosostenibilità e al turismo destagionalizzato; inoltre, crediamo che sia d’obbligo garantire alla popolazione locale e al pubblico in generale, una gestione non selettiva e un accesso il più possibile pubblico alle strutture rimodernate e pronte per essere utilizzate come vetrina permanente dell’Arcipelago di La Maddalena.

    Bonanno: “ Lo svolgimento di rally automobilistici è del tutto lecito ma...”

    ... il territorio di La Maddalena è naturalmente vocato ad attività sportive ecocompatibili ”

    Bonanno: “ Lo svolgimento di rally automobilistici è del tutto lecito ma...”

    ... il territorio di La Maddalena è naturalmente vocato ad attività sportive ecocompatibili ”

    Alla scoperta del Parco su kayak da mare... una nuova opportunità di turismo a basso impatto ambientale

    Risponde alle domande Costantino Lifrieri, Istruttore di kayak da mare e Guida marina  ***

    Costantino, potresti far capire ai nostri lettori che cosa è un kayak da mare?

    “Spiaggia per cani” a Caprera, numerosi messaggi di ringraziamento

    Sono numerose le email e i messaggi indirizzati al Parco e all’Associazione A.R.V.E.P.A.N.A. Onlus di La Maddalena in cui gli utenti si complimentano per il servizio offerto.
    Dopo aver ottenuto il riconoscimento del Ministero del Turismo, la “Doggie Beach di Caprera”, gestita dall’Associazione A.R.V.E.P.A.N.A. Onlus di La Maddalena che ha ideato e promosso il progetto in collaborazione con la Capitaneria di Porto di La Maddalena e grazie al finanziamento dell’Ente Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena, ha avuto ottime recensioni sui siti specializzati in questa particolare tipologia di turismo.

    Nuovi orizzonti per un turismo ecosostenibile: il kayak da mare tra i graniti dell’Arcipelago

    Anche quest’anno, il magnifico mare dell’Arcipelago è stato, per quattro giornate, teatro dell’importante appuntamento di appassionati del kayak da mare, denominato “ARCIPELAGO KAYAK ’09”, proposta escursionistico ecologica, finalizzata principalmente alla scoperta di alcune delle splendide località, isole e mare, del Parco Nazionale di La Maddalena e la costa del Nord Est della Sardegna.

    “Spiaggia per cani” a Caprera, arriva un riconoscimento dal Ministero del Turismo

    Ha ottenuto il riconoscimento del Ministero del Turismo la “Doggie Beach di Caprera”, gestita dall’Associazione A.R.V.E.P.A.N.A. Onlus di La Maddalena che ha ideato e promosso il progetto in collaborazione con la Capitaneria di Porto di La Maddalena e grazie al finanziamento dell’Ente Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena.